Trasferimento Tecnologico e Terza Missione

Nell’ambito della cosiddetta Terza Missione il DICI mette a disposizione del territorio e delle imprese il proprio patrimonio di competenze, oltre ai risultati della ricerca, con l’intento di migliorare il benessere della collettività e di rispondere alle sollecitazioni civili, sociali ed economiche provenienti dalla comunità e dai soggetti esterni.

Esiste una lunga tradizione di rapporti tra il DICI, derivante dagli ex-dipartimenti di area industriale ed il sistema produttivo del territorio, caratterizzato da un’elevata presenza di piccole e medie imprese, tra le quali molte con scarsa inclinazione all’innovazione, ma anche di piccole e micro imprese votate al settore tecnologico, e di alcune grandi imprese, facenti parte di importanti gruppi internazionali.

Esistono rapporti consolidati tra il DICI e il territorio di riferimento, non solo con gli altri Dipartimenti dell’Ateneo e con le altre istituzioni universitarie e gli enti di ricerca, con i quali sono in atto progetti di ricerca condivisi, corsi di studio comuni, ma anche con gli enti pubblici territoriali, in particolare con l’area dell’ingegneria civile del Dipartimento.

In questo momento storico in cui le imprese sono chiamate a rispondere alla sfida della digitalizzazione e della trasformazione in chiave Industria 4.0 ed a perseguire obiettivi di Sviluppo Sostenibile, le università, ed in particolare i Dipartimento come il DICI , rappresentano un importante patrimonio per la crescita del sistema produttivo e, di contro, l’interazione con il mondo delle imprese è fondamentale ai fini della valorizzazione della ricerca e per gli sbocchi occupazionali per i laureati

Il DICI segue ed adotta gli strumenti in atto in Ateneo per avvicinare imprese, studenti e docenti con una visione di trasferimento tecnologico allargato, dove l’innovazione è trasferita al mondo produttivo sia attraverso attività di ricerca applicata, che di placement di studenti formati all’innovazione (ad esempio, attraverso dottorati congiunti, tesi di laurea magistrale, ecc.).

Il DICI svolge una significativa attività nel campo della formazione continua, ritenendola un importante servizio offerto dagli atenei alla società, che richiede una costante riqualificazione delle competenze, indispensabile per far fronte a un mondo del lavoro in evoluzione: ampia è l’offerta dei corsi di master di primo e secondo livello.
Le iniziative ascrivibili alla terza missione si possono riepilogare come segue:

– formazione continua a personale interno e a soggetti esterni (Master);

– collaborazione con imprese per attività di ricerca applicata e di supporto diretto (Contratti Conto Terzi)

– supporto alla creazione ed allo sviluppo di imprese Spin-off ad elevato contenuto tecnologico;

– valorizzazione della proprietà intellettuale (brevetti);

– partecipazione, tramite l’Ateneo o direttamente come DICI, con i propri docenti e ricercatori, a strutture di intermediazione  (ufficio di trasferimento tecnologico, Contamination Lab, uffici di placement, incubatori, consorzi e associazioni, centri di impiego di strumentazioni e grandi attrezzature) .